Impianti Antincendio

sicurezza antincendio itc srl

Impianti Antincendio

Perche l’impianto antincendio è così importante? Capiamo come funziona un impianto antincendio per scoprire come riesce a salvarci la vita.

Un impianto antincendio ha il compito di rilevare la presenza di fumi di combustione, fiamme, calore, definirne la posizione, azionare dispositivi di segnalazione, lotta e protezione contro l’incendio.

Composizione dell’impianto Antincendio

Un impianto antincendio è composto essenzialmente da cinque parti.

  • Una prima parte composta da tutti quei dispositivi in grado di avvertire la presenza di un fenomeno chimico o fisico. La scelta di questi dispositivi, in termini di dimensioni e forme, è vastissima, con la possibilità di adattarsi a qualsiasi scelta progettuale.
  • Una seconda parte composta dalla centrale di controllo. La centrale acquisisce il segnale elettrico inviato dai rilevatori, elabora, invia i comandi al sistema antincendio ed ai dispositivi di allarme. e controlla il loro corretto funzionamento. Inoltre invia il segnale di pericolo ad una stazione di comando dei Vigili del Fuoco.
  • Una terza parte costituita dai dispositivi di allarme, necessari per la segnalazione acustica e visiva al fine di avvisare il personale della situazione di pericolo.
  • Una quarta parte rappresentata dai punti di segnalazione manuale dell’incendio, che richiedono la rottura di un elemento frangibile e l’attivazione manuale dell’allarme.
  • Una quinta parte rappresentata dal sistema antincendio, costituito da meccanismi per la lotta e la prevenzione dell’incendio, quali: sistemi di aerazione, sistemi di spegnimento, sistemi elettromagnetici per la chiusura di porte tagliafuoco, attivazione luci di emergenza, posizionamento e blocco degli ascensori al piano terra, chiusura impianti di alimentazione di liquidi infiammabili, ecc…

Progetto dell’ impianto Antincendio

  • La progettazione dell’impianto prevede:
  • un progetto preliminare: che consiste nel valutare le richieste del cliente e raccogliere i dati generali (planimetrie, attività svolte nella struttura, misure di sicurezza esistenti, ecc…);
  • un progetto definitivo: vengono scelte le ubicazioni dei rilevatori, dei dispositivi di allarme, dell’organo di comando, dei dispositivi di trasmissione, la loro tipologia, ecc..;
  • l’ installazione: vengono eseguite tutte le operazione di fissaggio dei vari dispositivi nel rispetto della normativa CEI 79;
  • azionamento e collaudo: Vengono eseguiti i test di funzionamento su tutte le parti dell’impianto;
  • manutenzione: prevede una descrizione dell’intero sistema, la fornitura di fogli informativi con le caratteristiche dei dispositivi installati e i numeri del servizio di manutenzione ordinaria e di emergenza.
Per informazioni e sopralluoghi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.